Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-domenico-marras/poesia-di-domenico-marras-in-su-falzu.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZG9tZW5pY28tbWFycmFzL3BvZXNpYS1kaS1kb21lbmljby1tYXJyYXMtaW4tc3UtZmFsenUuaHRtbA==
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Domenico Marras
    In su Falzu

    Dopo che qui son venuto,
    Per tre, quattro mesi circa,
    Gli uccelli e le lucertole,
    Appena mi vedevano Nelle loro vicinanze,
    Si spaventavano a morte:
    Gli uccelli si zittivano
    E volavano via verso
    Cespugli e alberi lontani;
    Le piccole lucertole
    Invece, velocemente, S'infilarsi nei pertugi,
    E colà rimanevano
    Fin quando non sentivano
    I miei passi già lontani.
    Adesso invece le cose
    Sono del tutto diverse:
    Mi vedono così spesso,
    E per così lungo tempo (Dalla mattina alla sera Sempre dietro le pecore),
    Che mi considerano uno
    Di famiglia, uno di loro.
    Pertanto, quando capita
    D'essere nei loro pressi,
    Non si spaventano più:
    Gli uccelli, quelli dotati,
    Continuano a cinguettare,
    E le verdi lucertole,
    Specie se giornata bella,
    Continuano imperturbate I loro bagni di sole.

    Commenti

    Potrebbero interessarti