Login

Poesia di Domenico Marras Capra capra capra
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Domenico Marras 
Capra capra capra 

Egregio Signore Vittorio Sgarbi,

sono una capretta facente parte

di un branco di duecentotrenta capi

stanziante in territorio Sa Badiga,

agro di Uri, paese del sassarese,

e gli sto scrivendo, caro Signore,

su incarico del nostro capo branco,

del becco dominante Barba Lunga,

per diffidarlo, perentoriamente,

dall'appellare capra, capra, capra,

come è solito fare, una qualsiasi

persona, perché tale appellativo,

dato con l'intenzione che vien dato,

offende pesantemente noi capre

e indignare anche le amiche pecore,

in tal frangenti sempre a noi vicine.

Ciò precisato, egregio Signor Sgarbi,

sapendola persona intelligente,

confidiamo nella sua ottemperanza,

quindi nella chiusura amichevole

dell'antipaticissima questione.

Chiudo la presente inviandole, a nome

del nostro capo, becco Barba Lunga,

mio e del branco, un ben distinto saluto. 

Leggi le più belle Poesie di Domenico Marras

Commenti

Potrebbero interessarti