Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Domenico Marras
Burrasca

Il vento era impetuoso,

Le onde erano enormi,

La barchetta di Pietro,

In loro balìa, correva

Il rischio del naufragio.

Perciò, tutti i pescatori,

Spaventatissimi, rivolti

Al cielo, invocavano Dio!

Per quello ho pensato

Che lui non fosse a bordo

E che in quel momento

Al timone della barca,

A rischio affondamento,

Non ci fosse neppure

L'espertissimo Pietro,

Bensì altro giovane santo

Fresco di patente nautica.

Infatti a bordo non c'erano:

Pietro si trovava in Paradiso

Per sbrigare delle pratiche;

Mentre Dio, un po' stanco,

Era sbarcato il giorno prima

Per un brevissimo periodo

Di riposo e meditazione

Da trascorrere ad Alghero:

Nel piccolo Monastero

Chiesa di San Francesco.

Ed è stato proprio un frate

Di quella piccola chiesa

A dirmi d'averlo notato,

Per un'intera settimana,

Tutte le sere, sul tardi,

Quando i fedeli e i turisti

Erano usciti ed i fraticelli

Rientrati nelle loro celle,

Togliere i tre conficcati

Chiodi da mani e piedi,

Scendere dalla sua croce

Ed avviarsi, a piedi nudi,

Verso l'annesso chiostro,

Dove, per l'intera serata,

E gran parte della notte,

Passeggiava e meditava,

E in fine pregava il padre

Affinché salvasse la barca

Di Pietro dal naufragio

E ridesse a lui il coraggio

Di risalire sulla croce.