Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Pasqua secondo Gian Luigi
di Gian Luigi Bonardi 

Mi sfugge un sogno nel cielo aperto,
sopra quel corpo freddo di morte che mi sovrasta, sfinitamente.
L’angoscia della Croce
oggi è esplosa nel gioioso canto libero
d’una incredibile profetica speranza,
che la morsa di un sepolcro
non ha potuto trattenere a lungo.
Spogliata del sudario,
quella morte non ha perso la supremazia,
ma è divenuta annunzio d’infinito.
Stupore di proposta, che si offre,
al di là del comprensibile,
a chiunque la cerchi oltre il dolore
con prudenza ed amore.
Chi cerca, trova,
forse la prigionia di un’illusione,
o forse il mistero di Dio,
unica libertà senza confini.
Pasqua
è promessa di luce contro buio,
una memoria insistente,
che ogni anno ci invita
al banchetto dei pazzi,
perché assaggiamo insieme
il mistero che dona, oltre la fine,
l’allegria del principio.