Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti
Poesia di Gabriele
Tutto è distrutto


Sai, dal mio punto di vista la mia è l'inutile storia
scritta e rivangata d'una mostruosa qualsiasi reso
tale dalle altrui necessità create contingenti guai
ooh Cristo non so in cielo cosa volete cavare da me.
Se per destino devo morire non aspettare me suicida
ooh Dio devi essere tu a sfilare l'anima dal corpo in vita.
Voi, siete tutti pazzi lassù nel celeste impero a provare
dove non c'è moltiplicazione umana d'intenti tra una
persona e l'altra infilate me, fantasma pronto a morire
poi dimenticato in vita chissà per chi?
Si deve essere più malvagi d'un lucifero infernale
per sfruttarmi fermo a impazzire stò tutto scemo alla
linea di partenza della vita ancora con la speranza di
gareggiare in una famiglia con moglie e figli che
garantiscono la vita per godere del suo sfiammato soffrire.
Avvizzito nel parlare è prontamente zittito dalle
avare medicine, amaro cibo per la malattia che rende
matto di stanchezza pazzo da legare alla rassegnazione.
Elemosinando della gioia ringhia a tutti la sua felicità, è un
cane confuso per un po' di compagnia a chi malgrado
mostro con nostalgia mostra ancora interesse alla vita.
AAA. Cercasi urgentemente un yorkshire toy come me
da prendere in adozione per ancora pretendere
la compagnia d'emozioni da coccole sempliciotte.
Per tutti i santi del paradiso basta! Barare al gioco
della vita ogni qualvolta ho la volontà di fare poi
da tutti son rinnegato per un redivivo che spirando
vuole sopravvivere… dalla mattina alla sera.
Angusto vive e dorme in solitudine continuamente
sorpreso dai dolori e cattive notizie televisive,
asserragliato! Attendo ansiolitico il tuo arrivo perché ogni
qualvolta, per la mia tranquillità temo il tuo ritorno.
Cara, sei delusa noo! Tu ci godi forse nel vedermi indifeso
immaginando gli antichi soprusi pensati piaciuti non penati
in un tempo noi evoluti giovani per scopare l'amor desiderato.
Or ora con i sbeffeggi rovini la mia labile dignità.
Non c'è più posto per me non più ti basto! Nel vedermi soggiogato
dal mio vivere 14 anni da fantasma parkinsoniano ch'ancor corrode
la mia vita corrotta dal nostro matrimonio. Tutto è distrutto!