Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gabriele/poesia-di-gabriele-le-more-selvatiche.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2FicmllbGUvcG9lc2lhLWRpLWdhYnJpZWxlLWxlLW1vcmUtc2VsdmF0aWNoZS5odG1s
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poeti Emergenti
    Poesia di Gabriele
    Le more selvatiche


    Con la fine… nel cuore,
    tu, se mi rubi l'anima
    nel corpo la vita muore.
    Bella come il sole giri la
    mattina su per i monti
    poi, a sera i raggi  di luce
    ooh vita... con l'amore
    il calore disperde  interiore
    per capire il malato  vivere
    terrestre sfiduciato a pregare
    un Dio ch'aiuta se, m'aiuto anch'io.
    Sai, sulla terra cresce spontanea
    nel muschio del bosco lontano
    dalle strade polverose: L'amore!
    morbide al tatto  le gustose son
    le more selvatiche con i rossi lamponi.
    All'occhio si presentano scarne
    con le foglie infelici nel groviglio
    dei rametti arabeschi spinosi  
    della natura son scure...mature.
    Frutto di dolcezza pregne d'amore,
    per i sentimenti dell'asprigna vita
    nel cuore da definire…

    Commenti

    Potrebbero interessarti