Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti -
Poesia di Gabriele -
Cane -


Vivo recluso per un vivere senza prospettive
deluso di quasi tutto da una vita  concessa tale
portato da una cicogna cecata non so per chi
tra scuri sguardi allo specchio mi vorrei spaccar
la faccia con un cazzotto per non vedere "sogni gnobili".

Rovina della realtà  mugata dai tremori del mio male
passan tutti al solito posto ricompongo i motivi a
stracci di solitudine... Mi lasciano solo il giorno
vanno via dopo le otto  moglie e figlio con un ciao   
inizia per loro la buona giornata,  per me la morte!

Con una lisciata al cristo in croce sul portone
un saluto un vaffanculo a Giampiero e ognuno
aggiusta  il proprio quotidiano.... per se,
ma che stile di vita è  attenderla  in sala d'attesa
il vivere a spiluccar le medicine del conforto
che fanno il loro corso per mettere a punto

il mio corpo a carne a strozzo tra uno mattina
e vedere storie vere sono un cane da strazio
per pianto è un guaitar  drammmatico  d'eventi
d'altri che stanno peggio di me, fino alla domenica
dura ormai da tempo con un attimo di messa

a  punto va il mio  corpo  in fregatura,  tutta a segatura  
come gia costretto  schiavo sono perenne di santi
stufo di madonne  da ingoiare come surrogato sono
una scuola dei  lamenti per chi vuole imparare a
sopravvivere con la disperazione della depressione
 
Ogni volta che  ripenso a quant'è bella la vita
torno ai miei pensieri di  cane da guardia  con
lo sguardo   folle  che  attende di farsi male con
le manie suicide del tutto "fuori"  dalla finestra.