Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti
Poesia d i Gabriele
Applausi!

Il mio domani, sempre di più inversamente proporzionale, con la
malattia deprime i valori morali facendo il posto alla disabilità.
L'onestà non è il vestito alla moda da indossare al momento.
Con la dignità io cerco le doti morali, quelle necessarie per
l'umanità, per vivere tutti uguali in comunità, con un lavoro.
Vero... Giampiero?... Applausi!
Per me, inguaribile timido montone ignorante è una pena
infinita da sopportare sempre, isolato nella insolita sofferenza
in naftalina, la mia vita consumo per morire orgoglioso tulipano
capricorniano nero.
Nella penisola della fantasia lo scopo dei sogni da altri provati
avariati, io li riprovo cercando di sviare la morte tornando in
vita con l'anima mia… Nell'impossibile, scemo come una campana,
arrangio fantasie alla giornata, su google, per tirarmi un pò sù.
Grazie ai medicinali sono una farmacia ambulante con la
testa sfasciata che, aspetta e spera con levodopa ingerite,
per curare non bastano il curry,fave fresche e frutti esotici,
ballando il tango non si riesce a debellare quel tanghero
parkinsoniano… Che, giorno dopo giorno mi toglie poco
per volta, m'ubriaca, la voglia di sopravvivere.