Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gabriele/poesia-di-gabriele-ebeti-plastici.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2FicmllbGUvcG9lc2lhLWRpLWdhYnJpZWxlLWViZXRpLXBsYXN0aWNpLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poeti Emergenti
    Poesia di Gabriele
    Ebeti plastici


    Per esserci nell'essere disabili non va bene per noi
    ebeti plastici nel sorridere siam poveri parkinsoniani,
    pochi disgraziati avidi di salute mentale.
    In pochi si vive male nell'attesa d'essere tanti, per
    reclamare alla scienza una cura per guarire, stiamo
    a guaire per rianimare il lavoro delle pompe funebri,
    con il becchino che si frega le mani in futuro quando
    non saremo più padroni del cervello della nostra vita.
    Inutile è prendere impegni se poi non li posso mantenere
    … saremo forse morti uccisi segnalati dal destino
    rosso su nero siamo diavoli bestemmiatori per caso
    recuperabili alla vita per disintossicazione interiore
    dal peccato nel purgatorio.
    Lì, ci sono persone con il sorriso per bene defunte,
    che hanno perso la vita in salute all'improvviso.
    Par un suicidio… ooh Dio dimmi la verità mah, che
    ci faccio di questa vita, per viverla in galera?
    Distrutto nel corpo… l'anima in un sogno è chiusa con
    la speranza nel suo torpore d'un domani migliore.
    Qui , Signore sarò ignorante mah, dove c'è la necessità
    di sopravvivere, ognuno pensa per se sulla terra…
    non c'è più il piacere di stare insieme per compagnia
    chiacchierando invano per nascondere al presente,
    quando con il mio passato nessuno mi vuole.
    Poche parole si fermano da me per diventare poesia.

    Commenti

    Potrebbero interessarti