Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/poesia-di-eugenio-zoppis-sulla-strada-di-emmaus.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvcG9lc2lhLWRpLWV1Z2VuaW8tem9wcGlzLXN1bGxhLXN0cmFkYS1kaS1lbW1hdXMuaHRtbA==
    it-IT
    Poesie di Eugenio Zoppis
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Eugenio Zoppis
    Sulla strada di Emmaus

      Sulla Strada di Emmaus
    Fra tanti volti che ho incrociato
    Con gli occhi grandi di uomo affamato,
    E fra gli oppressi, io non ti ho mai veduto:
    Perdonami, non ti ho riconosciuto.
    Quando chiuso nei “se” io t’ignoravo,
    Eri presente fra i reietti che ho sfuggito,
    Nel viso allegro dei piccoli nei pueblos  ,[1]

    Eri il compagno sulla via di Emmaus.
    Nei Getsemani, dove mi ero assopito,
    Signore, tu c’eri, ed io ti cercavo.
    Quando mi hai accompagnato
    Nelle gioie e nel Calvario quotidiano,
    Quando cadevo e mi hai teso la mano
    Spezzando il pane per uno sconosciuto,
    In quei volti di un tratto familiari
    Signore, io ti ho riconosciuto.

    [1] Riferimento ai bambini di qualsiasi villaggio povero nel mondo.

    Commenti

    Potrebbero interessarti