Poesie di Eugenio Zoppis

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
Spelacchio
 

Fra li borbotti de’ sta Roma invernale
Ce stanno quelli sull’abbete de Natale:
Non j’è piaciato a sta ggente senza core
Er lukke de n’arbero che mmore
Pe’ porta’ la festa ed un soriso,
Come Cristo pe’ dacce er Paradiso.
Li probblemi ce stanno, tutti seri,
Nun c’è lavoro né salute, tanti poveri,
Bollette care, pochi servizzi comunali:
… Quelli si che so’ li veri mali.
Però a Natale armeno … soridete,
Guardate li addobbi su l’abete,
Ste’ luci a festa, … quanto so’ belle
Come le vedo anch’io,
Ne la notte che ce ricorda quella
In cui andiede a Betelemme ‘na gran stella,
Mossa da ‘mordeddio
che move er sole e l’artre stelle[1].

[1] Dante, Divina Commedia / Paradiso XXXIII, 145, … romanizzato.

Potrebbero interessarti