Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

zanzara
Poesia di Eugenio Zoppis
a Zanzara

C’era ‘na vorta …
‘na zampana quest’estate,
Che doppo avemme ggirato su la testa,
Pe’ diggerire er boccone de la festa
Se riposava attaccata alla parete.
Pe’ ripagalla de la serenata
Che nun m’aveva fatto pijà sonno
M’avvicinai ar muro rosicanno
E ce la sfransi co’ ’na gran manata.
Be’ la parete rimase impataccata!
Chi immagginava, je pijasse un corpo,
Che c’avesse tanto sangue in corpo
‘Na bestiola così allampanata?
Così lascia er segno quarsiasi sciagurato
Che se fa grande quann’è piccoletto,
Come ‘sta zanzara sopra ‘r letto,
Cor sangue de l’altri che ha succhiato.

Note: "Mentre leggevo l'urtimo volume/ de la Storia d'Italia, una Zampana/ sonava la trombetta intorno ar lume ... "  Trilussa, La Zampana