Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/poesia-di-eugenio-zoppis-migranti.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvcG9lc2lhLWRpLWV1Z2VuaW8tem9wcGlzLW1pZ3JhbnRpLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Eugenio Zoppis
    Migranti

     Penso a quei migranti alla deriva
    Scaricati sulle spiagge, ai volti tesi,
    I guanti di gomma di chi attende sulla riva
    La pesca di uomini sfiniti ed indifesi.
    Vorrei né guanti né bags (1) per quella gente,
    Ma fine alle guerre, ai diktat del mercato,
    Alla miseria, ai campi e al non far niente.
    Guai a chi sfrutta perfino un rifugiato. 
    E pace a voi, argonauti sopra un mare 
    Che dal deserto all’onde che eran nostre 
    Non trova sponde, se non quelle del male. 
    Vi siano amiche le brezze salmastre.

    ...talium enim est regnum Dei.
    Vangelo secondo Marco, 10, 14.

    Nota: (1) riferimento ai "body-bags" per le salme

    Leggi le Poesie di Eugenio Zoppis

    Commenti

    Potrebbero interessarti