Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
La Romanita' de 'na vorta


Ar Verano, su la strada der Crocione,
C’e sta ‘na tomba con un busto umano
“Cantò l’anima de Roma”[1], scrisse ‘na mano.
Te guarda er vorto de sto’ buggiarone,
Pare voja prennete in giro, fino in fondo,
Ma se potesse parlà de li Romani
Lui te potrebbe cantà fin’addomani
Che l’anima de Roma, è allo sprofondo:
Nun ce sò li Romani de na vorta,
con “quer tanto de bon senso e de criterio”[2]
Anche senza ammasticà l’abbecedario,
Poveri si, ma ricchi de na sporta.
Pè’ forzza sì, mò tutti sò burini,
Ar cimmitero, sta la Romanità!
No, azzittate fratè, pe’ carità,
stai su la tomba d’Ettore Petrolini![3]

[1] L’epigrafe recita: “Dalla sua bocca cantò l’anima di Roma”

[2] Er Testamento de Meo Del Cacchio” di Trilussa

[3] Ettore Petrolini (1884 –1936) è stato un’attore, drammaturgo e scrittore romano, specializzato nel genere comico.