Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
Vincoli Famiiari


C’era una vorta un lupo che sfotteva un cane
Perché’ ch’aveva messa ar collo una catena
Je disse: “sei un lacchè dell’omo e me fai pena
Te sei venduto la libberta’ pe’ un po’ de pane”
Er cane j’arispose: “Te spiego er mio legame;
Questi non sono i miei padroni, ma famija:
Io vojo bbene sia ar padre che a la fija
Me tiene qui l’affetto e non la fame”.
“Me vojono un gran bene, ste perzone,
Invece tu se’ lupo, sei libero si, ma solitario
Te credi d’esse furbo, ma è un carvario
E morirai da solo come ‘n cane”.