Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
Vincoli Famiiari


C’era una vorta un lupo che sfotteva un cane
Perché’ ch’aveva messa ar collo una catena
Je disse: “sei un lacchè dell’omo e me fai pena
Te sei venduto la libberta’ pe’ un po’ de pane”
Er cane j’arispose: “Te spiego er mio legame;
Questi non sono i miei padroni, ma famija:
Io vojo bbene sia ar padre che a la fija
Me tiene qui l’affetto e non la fame”.
“Me vojono un gran bene, ste perzone,
Invece tu se’ lupo, sei libero si, ma solitario
Te credi d’esse furbo, ma è un carvario
E morirai da solo come ‘n cane”.

Commenti

Potrebbero interessarti