Poesia di Domenico Marras - Le classi sociali
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Domenico Marras 
Le classi sociali 
 

Signori studenti di sociologia,

oggi parliamo di classi sociali,

ed iniziamo da quella più bassa:

dal contadino, da colui che zappa

la terra, semina e miete i cereali:

grano, orzo, granoturco, riso e avena

per l'alimentazione dell'umano,

ed anche di animali: buoi, cavalli...

Egli, a raccolto ultimato, divide,

anzi, le parti non le fa lui, le fa

il sistema sociale ivi esistente.

Le parti vanno da uno a dieci chicchi:

dieci chicchi alla classe di vertice

e un solo chicco alla classe più bassa,

alla quale appartiene il contadino

che ha faticato e sudato per tutti.

Domani parlerò del falegname,

che spesso ha le persiane sgangherate,

perché si trova ad un solo gradino

al di sopra di chi produce il grano.

Dopo, nell'ordine, di tutte le altre,

di quelle dominanti e benestanti.

Commenti

Potrebbero interessarti