Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Domenico Marras 
Il bravo ragazzo delle commissioni

Il bravo ragazzo delle commissioni
Dicevano così le vecchiette
del nostro vicinato, alle quali,
spesso, facevo le commissioni,
che loro mi ricompensavano,
in genere, con dei fichisecchi.
Ero bravo anche per i vecchietti,
loro mariti o loro fratelli,
tutti braccianti, i quali, rientrati
dalla campagna a sole calante
e stremati dal duro lavoro,
non avevano più alcuna voglia
d'andare in tabacchino a comprare
i sigari sardi e i fiammiferi.
Bravo son stato anche le due volte
che, col benestare di mia madre,
sono montato sulla mia bici
(acquistata di seconda mano),
per salire in fretta e furia a Ittiri
(ad Uri farmacia non ce ne era),
per acquistare la medicina
prescritta dal medico al malato.
E se se ne temeva la morte,
non c'era un attimo da perdere:
c'era soltanto da pedalare,
ed io pedalavo, pedalavo.
Ero più veloce della morte:
l'ho battuta in ambedue le gare.

   Leggi le più belle Poesie di Domenico Marras 

Commenti

Potrebbero interessarti