Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonio-basili/poesia-di-tony-basili-la-piazza-de-na-uota.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pby1iYXNpbGkvcG9lc2lhLWRpLXRvbnktYmFzaWxpLWxhLXBpYXp6YS1kZS1uYS11b3RhLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Tony Basili
    La piazza de 'na uota


    Non è più la piazza ove ognun stea vicinu

    Quanno ce giochea da kiattareju,

    du’ porte·sotto ju muru ‘e ju casteju

    co’ Bollone, Lucianittu e ju painu.

    ·

    Ce stea pure ‘Ndoniu, La Morte e Stivaletti,

    Verardinu, Furbicetta, fratimi e Pennazza,

    Scuppulacici, La Fischia e Canassa

    E pure Curiuzza, Fausto e Sciarpelletti.

    ·

    Era pina de tiri e de botte de taccu,

    de cogliu , de piattu, e ca’ vota a gli stinchi,

    un’ammucchiata de vajuni, mai vinti,

    e kieji piagnea pe’ ca’ botta, mai straccu.

    ·

    Era un giogu a terra, de forza e destrezza,

    di dribling stritti, con una mezza palletta,

    fatta de stracci e ‘n pezzu de spagu,

    che se fermea, sojo pe’ ca’ cianghetta.

    ·

    Non è la piazza de vajuni è 'na vota,

    ora scroscia acqua, la vecchia fontana,

    e la· colomba, beve e si rassoda

    tutto silenzio, o gente mia· lontana.



    20.3.07

    Commenti

    Potrebbero interessarti