Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti -
Poesia di Tony Basili -
Il barbaro (da Kafakis)


Erano al porto in lussuose toghe,

I senatori e i dignitari del momento

Ed a preparar pietanze, molte cuoche,

scrutando l’orizzonte ogni momento,

e le signore, belle e lisce come foche

profumate e invitanti al godimento:

Erano lì in attesa di qualcosa

Tutti eccitati, l’ora era preziosa.

“Ma che fate, tutti quanti sulla riva?”

chiese uno dall’aspetto paesano

“che aspettate dal mare? chi arriva?

così eleganti, è forse il gran sultano?”

Quelli, come colpiti su carne viva,

“ma come, non sai? Tu sei di lontano…

Tra poco arriverà il re dei bordelli

·Che ha prostituito i figli ed i i fratelli.”

A bocca aperta, per quel po’ onore

Che riservavan a quell’uomo fosco

Se ne stette zitto e passavan l’ore.

Tra quella gente c’era un tipo losco

che aumentava di più il suo stupore:

stava vantando a dir:”io lo conosco!”

E tutti facevan crocchio intorno a quello

Per sentir com’era pur· bravo di coltello.

E perché non si schierano·i soldati?

Incredulo, chiedeva,quei· sgomento,

“ma è pericoloso e si son squagliati ..”

“E perché i senatori in questo momento

a decretar non sono, e stan· paludati,

aspettando sì inerti un· tal evento?”

“Ma quello è terribile, e non scherza mica;

statti quieto·o finisci tra l’ortica..”

Passarono l’ore, in trepida attesa

Ed infine accadde una cosa imprevista:

proprio lui, a cui la città s’era già arresa

era stato ucciso per una semplice svista,.

Che indusse in tutti una gran delusione.

Era un barbaro, ma pur la soluzione!

10.05.05·

Commenti

Potrebbero interessarti