Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Tony Basili 
Il bosco

Lontano dai rumori e dalla gente

i frattoni mi intrigano tra il folto

di un colle di roverelle ove niente

c’è intorno e vago come un cane sciolto.

 Con la roncola in mano rilucente,

le gambe come fossero di legno,

mi inerpico per l’erte e tra gli spini,

ma proprio niente mi queta lo sdegno.

 Per gli anfratti brillanti di muschio

Son talora di gnomi sulle tracce,

bramando in ansia a un punto di vedere

il prodigio delle lor verdi facce.

 E mi vedo in una cupa foresta,

in un tempo forse già passato

ove m’appaiono ombre così sottili

in una quiete che avevo sognato.

 Su una balza mi riposo sassosa

ove langue tra le fronde la luce,

e mi giungon nenie e strani triboli

e mi chiedo invano chi li produce.

 Ma voi sempre nel profondo restate,

ninfe sospirate e audaci folletti,

ma sapete ben come sono a penare,

e che vi mostriate aspetto, o diletti.

22-96/99

 Leggi le più belle Poesie di Tony Basili

Commenti

Potrebbero interessarti