Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonia-arcuri/poesia-di-antonia-arcuri-si-celano-soccorrendo.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pYS1hcmN1cmkvcG9lc2lhLWRpLWFudG9uaWEtYXJjdXJpLXNpLWNlbGFuby1zb2Njb3JyZW5kby5odG1s
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Antonia Arcuri
    Si celano soccorrendo

    Le immagino in forzieri,

    se c'è tempesta,

    le chiavi gettate in acque profonde.

    Sparse sulla superficie,

    con il tempo sereno,

    le tiro a riva superflue

    in un retino da farfalle.

    Nel tempo avverso imboccano

    una slargo parallelo.

    Non avrei mai pensato

    che celandosi mi consegnassero

    le chiavi di una casa

    dove piani, ballatoi

    e metope sui frontoni

    avessero forme e natura differenti.

    Nei loro vuoti di silenzio

    le parole lasciano emergere

    visuali nei punti di fuga luminosi.

    Si aprono le porte di un palazzo:

    una mano indica luoghi arredi figure

    dove lo spettattore e lo spettacolo

    si prendono per mano.

    Ricerco in quelle stanze

    lei, la grazia

    e lui, il chàrisma.

    Commenti

    Potrebbero interessarti