Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-tiziana-amori/poesia-di-tiziana-amori-qsolo-noiq.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktdGl6aWFuYS1hbW9yaS9wb2VzaWEtZGktdGl6aWFuYS1hbW9yaS1xc29sby1ub2lxLmh0bWw=
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    Poesia di Tiziana Amori 
    Solo noi

    Quel giorno seduto davanti alla mia scrivania

    i miei occhi ti hanno osservato e ho pensato:

    sembra un anatroccolo impaurito e

    ho provato tenerezza e cercato di farti sentire accolto e ascoltato.

     

    Ti sei presentato di nuovo dopo alcuni giorni ,

    ancora un po’ goffo, ma meno imbarazzato

    mi hai ringraziato, regalato qualcosa di dolce,

    il tuo sorriso e un invito.

     

    Ho iniziato in quel momento a VOLERTI BENE.

    Meraviglia, incredulità, paura, felicità

    e poi……scoperta, abbandono, gioia, luce

    ……amore.

     

    I nostri corpi che si incontrano

    e la fragilità dei nostri cuori infranti

    che hanno paura di fondersi.

     

    Chiacchiere, racconti, parole,

    ricordi belli e dolorosi

    che si rincorrono e riaffiorano dopo tanto tempo.

    Risate, scherzi, battute spiritose,

    esserci l’uno per l’altro.

     

    Penso che bello essere amati ,

    sentirmi di nuovo viva e desiderata,

    alzarsi la mattina e rivolgerti il primo pensiero!

     

    Ma…..il pensiero spesso è un illusione

    perché già non ci sei più,

    ti allontani da me con scuse e piccole bugie,

    fuggi preso nei tuoi pensieri negativi,

    con la tua folle paura di soffrire di nuovo.

     

    Tristezza, incredulità, mille domande

    affiorano nella mia mente,

    ma rimangono tutte senza risposta

    mi faccio delle colpe che non ho:

    il vero problema è la carestia con cui ti concedi ,

    il non riuscire a provare il brivido dell’incertezza.

     

    Una telefonata, sono io,

    gioia di amarti di nuovo per me

    e il tuo sforzo per imparare a riprovare di nuovo.

    Un abbraccio alla vita il mio,

    un passo lento verso la vita il tuo.

     

    La tua è sofferenza, pura sofferenza,

    incapacità a perdonarti e a per-donare.

     

    Non ti fidi di nessuno, neanchè di me ,

    io che mi arrabbio e divento triste

    perché non ti lasci guidare ad amare,

    perché provo dolore nel vederti ripiombare nel buio,

    rintanarti nella tua tana in compagnia

    dei tuoi scheletri e dei tuoi fantasmi.

     

    Il tuo cuore colmo di dolore ti impedisce

    di volerti bene e di essere felice.

    Quel tuo cuore colmo di dolore e

    quella tua sete di amore,

    io porto sempre nel mio cuore,

    con il rimpianto e la nostalgia

    di averti voluto molto bene,

    ma di non essere riuscita

    a impararti a volerti bene.

    Commenti

    Potrebbero interessarti