Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-tiziana-amori/poesia-di-tiziana-amori-qrose-biancheq.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktdGl6aWFuYS1hbW9yaS9wb2VzaWEtZGktdGl6aWFuYS1hbW9yaS1xcm9zZS1iaWFuY2hlcS5odG1s
    it-IT

    Valutazione attuale: 4 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
     

    Poesia di Tiziana Amori 
    Rose bianche

    Sono nel reparto di ostetricia di un ospedale,

    non sono qui per festeggiare un nuovo arrivo

    o condividere la gioia e la felicità di una neo mamma:

    ho un appuntamento con la mia ginecologa.

     

    Sono in anticipo, eppure ho fretta……

    fretta di andarmene.

    Non mi ricordavo la gioia, la felicità,

    l’allegria che aleggiano in questo reparto.

    Ho pensato: che bello nascere!

     

    Come un flash mi ritorna in mente

    la nascita dei miei due figli in questo reparto.

    Gli occhi, le manine, i piedini

    l’incredulità di aver creato quel piccolo corpo perfetto,

    la tenerezza e la paura nel tenerli in braccio,

    così piccoli e bisognosi di cure.

    La grande gioia per un loro sorriso o sbadiglio!

     

    Li guardo e mi sento la donna e la mamma

    più felice del mondo, li ho desiderati tanto!

     

    Questa estasi però dura poco……..

    perchè il ginecologo ritarda?

    Voglio andarmene, ritornerò un altro giorno!

     

    Le mie gambe non si muovono,

    all’improvviso nella mia mente

    vedo gli occhi dei miei figli.

    I loro sguardi sono arrabbiati, sofferenti, dolenti, insicuri:

    del momento intenso e dolce della loro nascita

    non c’è traccia.

     

    Io che ho condiviso con loro

    ogni momento della loro vita,

    li ho amati, consolati, aiutati, accompagnati

    nella loro crescita, sognato insieme a loro,

    non sono riuscita ad allontanare da loro la sofferenza

    di una famiglia dove non si sapeva amare,

    dove ho avuto il ruolo di unico genitore.

     

    Non sono riuscita ad amarli

    per come avrebbero meritato.

     

    Non ho amato e rispettato me stessa

    per questo non sono stata capace di amarli e rispettarli.

    I miei occhi si riempiono di lacrime,

    il cuore sanguina,

    un dolore forte mi attanaglia lo stomaco.

     

    Sono nel posto sbagliato, in un’ allegra e gioiosa confusione,

    la mia vita, il mio stato d’animo sono molto sofferenti e tristi.

    …………ho voglia di fuggire e di urlare, tornerò un altro giorno.

    “Signora si accomodi, cosa è successo?”

    Non rispondo, ma penso che nessuno

    mi ha mai regalato rose rosse e

    io non sono riuscita a regalare rose bianche ai miei figli.

                                                                                                                                                  

    Settembre 2011

    Commenti

    Potrebbero interessarti