Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

panchina
Poesia di Kahlil Gibran

«Sconfitta»

Sconfitta, mia Sconfitta, mia solitudine e riservatezza;
tu sei a me più cara di mille trionfi,
e più dolce al mio cuore di tutta la gloria del mondo.
Sconfitta, mia Sconfitta, mia consapevolezza e sfida,
attraverso te so che giovane sono sempre e dal piede veloce,
.e che non resterò intrappolato da allori destinati ad avvizzire.
E in te ho trovato una distaccata riservatezza
e la gioia di essere evitato e disprezzato.
Sconfitta, mia Sconfitta, mia splendente spada e scudo,
nei tuoi occhi ho letto
che essere collocati sul trono è come essere fatti schiavi,
e che essere compresi è essere rimpiccioliti,
e che essere colti non è che arrivare a pienezza
e come un frutto maturo cadere ed essere consumati.
Sconfitta, mia Sconfitta, ardita mia compagna, 
tu udrai i miei canti e i miei pianti e i miei silenzi, 
nessun altro, tu sola mi parlerai di battiti d'ali, 
e di gonfi oceani, 
e di montagne che ardono nella notte, 
e tu sola salirai sulla mia ripida e rocciosa anima. 
Sconfitta, mia Sconfitta, mio immortale coraggio, 
tu ed io rideremo insieme con la tempesta, 
e insieme scaveremo tombe per tutto quanto muore in noi, 
e ci ergeremo nel sole col nostro fermo volere, 
e saremo per tutti di rischio e pericolo.

Leggi le Poesie di Kahlil Gibran

Commenti

Potrebbero interessarti