Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Poeti Emergenti -
Poesia per la Festa del papà
di Gian Luigi Bonardi -

Auguri papà -


Caro papà, che un giorno, con amore,
mi hai preso fra le braccia, un po’ impacciato,
e per la prima volta, con stupore,
hai toccato il mio corpo appena nato;
caro papà, che eri così fiero
di mostrare agli amici il tuo bebè,
e che una volta non ti parve vero
che in piedi, solo, venissi da te;
caro papà, che sempre, con pazienza,
sei stato accanto alle mie confusioni
donando la saggezza e la prudenza
necessarie secondo le occasioni;
caro papà, che con solerte impegno
mi hai dato il piatto dell’educazione
e il pane dell’affetto e dell’ingegno
per il tempo in cui ero “bamboccione”;
caro papà, che mi hai visto partire
per la mia nuova strada personale
e abbracciandomi hai finto di gioire
per quel triste distacco naturale;
caro papà, resta ancora a vegliare
su questo tuo figliolo brizzolato...
sapendo che ci sei, è bello stare
a scambiarci un augurio riservato.
E voi, papà che ora siete lassù,
benedite la nostra commozione,
perché questa giornata ancor di più
sia per tutti una festa d’eccezione.

Potrebbero interessarti