Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesie Gavino Pes
Poesia di Gavino Pes
Lu tempu


Palchì no torri, di', tempu passatu?
Palchì no torri di', tempu paldutu?
Torra alta 'olta, torta a fatti meu,
tempu impultanti, tempu priziosu,
tempu, chi vali tantu cant'è Deu
par un cori ben fattu e viltuosu.
Troppu a distempu, tempu caro, arreu
a cunniscitti, oh pesu aguniosu!
Cantu utilosu mi saristi sta tu,
tempu, haènditi a tempu cunnisciutu!
Tempu, ch'in un cuntinu muimentu
poni tutta la to' stabbilitai,
chi la to' chietù, lu to' assentu
cunsisti in no istà chietu mai,
ritruzzedi pal me ch'era ditentu,
candu passesti, da un sonnu grai:
Ah! Si tuffai, tempu malgastatu,
chi bè, chi t'haarìa ripaltutu!
Tempu, chi sempri in ghjusta prupulzioni
di lu to' motu in ghjru andi a la sfera,
n'hagghj di me, ti precu, cumpassioni,
ritorrami a prinzipiu di carrera;
di l'anni mei l'ultima stasgioni
cunveltil'alta 'olta in primmaera.
L'esse lu ch'era a me sarà nicatu,
ch'insensibili tanti hani uttinutu?
L'alburu tristu senza fiori e frondi,
vinendi magghju, acchista frondi e fiori:
a campu siccu tandu currispondi
un beddhu traciu d'allegri culori;
supelvu salta d'invarru li spondi
riu d'istìu poaru d'umori:
e l'anticu vigori rinuatu
no sarà mai in un omu canutu? .
La salpi 'ecchja chidd'antichi spoddhi
lassa, e si 'esti li so' primi gali;
da li cìnnari friti, in chi si scioddhi,
chiddha famosa ceddha orientali
rinasci, e tantu spiritu rigoddhi,
ch'agili come prima batti l'ali:
e l'animu immultali rifulmatu
no vidarà lu so' colpu abbattutu?
La notti è pal vinè, la dì s'imbruna
candu lu soli mori in occidenti;
a luci poi torTa tutt'in una
candu rinasci allegro in orienti:
e la sureddha, la candida luna,
da li mancanti torTa a li criscenti:
e un omu cadenti in chiddhu statu
no de' turrà, da undi è dicadutu?
Tempu dispriziatu, torTa abali,
c'hagghju di ca sé' tu cunniscimentu;
Torr'ogghj chi cunnoscu cantu 'ali,
chi pruarè tutt'altu trattamentu.
Ah! D'haetti trattatu tantu mali,
no possu ditti cantu mi ni pentu!
Cunniscimentu, a cantu si' taldatu!
A passi troppu lenti sé' inutu!
No timì, tempu meu, d'impriatti
in bassi e falsi immagghjnazioni,
in fa' teli di ragni, o in chiddhi fatti
cuntrari a lu bon sensu, a la rasgioni,
in chimeri, in dillirii, in disbaratti,
muttìi di la me' paldizloni.
N'haggi cumpassioni, tempu amatu,
d'un cori afflittu, confusu e pintutu.
Di dugna stanti toiu apprufittà
voddhu, senza passacci ora oziosa:
nè pensu più palditti in cilibrà
li grazii, li primori d'una rosa,
ch'in brei in brei a cunnisci si dà
cantu è vana, caduca, e ispinosa.
Dulurosa mimoria, ch'ispu:ddhatu
m'hai di gusti, e di peni 'istutu!
Si cuminiciàa di nou a viì,
dia usà diffarenti ecunumia:
nè palticula mancu di la dì,
senza imprialla bè', passacci dia:
chi ben pruistu, innanzi di muri,
pa l'ultimu 'iagghju mi saria.
Oh alligria! Oh tre volti biatu,
tempu, candu da te fussi attindutu!

Perché non torni, di', tempo passato? Perché non torni, di', tempo perduto? Torna ancora,
ridiventa mio, tempo importante, tempo prezioso, tempo che vali tanto quanto vale Dio per  un cuore ben nato e virtuoso. Troppo fuori tempo, o tempo caro, arrivo a conoscerti, o  peso d'agonia! Quanto mi saresti stato utile, tempo, se a tempo t'avessi conosciuto! Tempo, che in un continuo movimento riponi la tua stabilità, perché la tua quiete, il tuo riposo consiste nel non star mai quieto, torna indietro per me, che ero coperto, quando tu passasti, da un sonno grave: oh, se fossi ritornato, tempo male usato, quanto t'avrei ben ripartito! Tempo, che sempre con giusta proporzione del tuo moto vai in giro alla sfera, abbi, ti prego, compassione di me, riportami all'inizio del cammino; l'ultima stagione dei miei anni cambiala ancora una volta in primavera.
Essere quello che ero sarà negato a me, mentre tanti senza sensibilità l'hanno ottenuto?
L'albero triste senza fiori e fronde, quando viene maggio, acquista fronde e fiori; a un campo secco, allora, si sostituisce un prato bello d'allegri colori; superbo salta d'inverno le sponde un fiume d'estate povero di umore: e l'antico vigore non potrà mai essere rinnovato in un uomo canuto? La serre vecchia lascia le sue antiche spoglie, e veste le sue prime gale; dalle ceneri fredde, in che si dissolve, quel famoso uccello orientale rinasce, e tanto spirito raccoglie, che agile come prima batte le ali: e l'anima immortale non potrà riveder rifatto il suo corpo abbattuto?
La notte viene, il giorno s'imbruna quando il sole muore in occidente: alla luce poi torna tutt'in una volta quando rinasce allegro in oriente; e la sorella, la candida luna, dalla parte che manca torna
a crescere; e un uomo cadente non deve tornare a quello stato da cui è disceso?
Tempo disprezzato, torna adesso, che so di chi tu sei; torna oggi che so quanto vali, ché avrai
tutt'altro trattamento. Ah! D'averti trattato tanto male, non posso dirti quanto mi pento!
Oh esperienza, quanto hai tardato, a passi troppo lenti sei venuta! Non temere, tempo mio,
che ti impieghi in basse e false fantasie, in far tele di ragni, o in quei fatti contrari al buon senso, alla ragione, in chimere, in delirii, motivi della mia perdizione. Abbine  compassione, tempo amato, d'un cuore afflitto, confuso e pentito. Di ogni tuo istante voglio profittare, senza passare ora oziosa, né penso più di perderti celebrando le grazie, la  bellezza di una rosa che in breve si dà a conoscere quanto è vana: caduca e piena di spine.
Dolorosa memoria, che mi hai spogliato di gusti e vestito di pene! Se cominciassi di nuovo
a vivere, userei diversa economia: nemmeno una particella del giorno avrei passato, senza
impiegarla bene; ché, prima di morire, mi sarei ben provveduto per l'ultimo viaggio. -
Oh allegria! Oh Ire volte beato, tempo, se fossi atteso da te! (Versione di M. Pira)] ,