Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Gabriele
Vorrei parlar d'Amore

Io vorrei parlar d'amore ma non son capace
nel dolore, di poesiar nella felicità, contorni d'allegria.
Nel bel mezzo della vita… fallito senza il becco
di una lira che canta ad altri la mia amara verità
d'un male che mi ha drogato con medicine e debiti
sto incazzato in un mare di guai galleggio nell'etere
alla ricerca allo specchio della tua immagine, Dio!
Io lì davanti invano sono inginocchiato a pregare
perché non voglio farla finita con la vita mia!
Al buio tocco il fondo! Decimato dai dolori
Giampiero, nell'incudine parkinsoniana è
ora e, da sempre non c'è la fà più…
Signore, lui con il santino cerca te!
Con la mano non t'accorgi ciò che dai,
dalle parole date, il suo valore non sai,
il tempo strema il vivere per ciò che fai
quando dal raccontato il giusto non hai,
forse, scritto sulla bibbia tutta la tua verità
...buon Dio
perchè ogni umano se ne crea uno di te per
cercar nell'essere fortunato, di sentirsi aiutato.
Sarà così per noi disabili? Santità! Sei sentito
per, essere vagliato, capire se sei un'uomo vero,
come Dio che, nell'imparare ci comanda…
Penso che tu non sia una rima banale, consueta,
con chi trova la sua quiete nella pace eterna,
del suiciDio o dell'omiciDio, mio noooh,
Dio… non peggio!
Nel pensare a male ancor mi chiedo se son vivo
eeh dimmelo! Cristo!!!
Io, sono vivo?
Perché, io mi sento vivo!
Molti nella palude della disperazione son deceduti
imbarcati nel ricordo trucidati dal passato piangono
lacrime come i parenti e i loro problemi morti
e dimenticati nella mente per vivere aspettano scemati
convivono ancora Lì!
Come me, cercano la vita per forza, invano, per sopravvivere
alle delusioni con la depressione alle calcagna nella notte
affonda la speranza cupa... con l'amore.