Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gabriele/poesia-festa-della-mamma-di-gabriele-vero-mamma.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2FicmllbGUvcG9lc2lhLWZlc3RhLWRlbGxhLW1hbW1hLWRpLWdhYnJpZWxlLXZlcm8tbWFtbWEuaHRtbA==
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia Festa della mamma
    di Gabriele 
    Vero Mamma?

    Lunga,  era vera!  Incredibile.
    Troppo vivere per una vita malata
    spesa nell'ironia della morte
    perchè non si accetta di morire.

    Vero? ! Mamma ogni giorno
    nel maggio c'è la tua festa dichiarata
    della guerra in  una battaglia
    il vivere  una esistenza qualsiasi
    pure era triste  in quella casa.

    La vita per gioco la regola
    era un oggetto da rispettare
    in qualsiasi età  perchè in  piedi
    si cammina  una strada.

    Piena di orme lasciate già
    da prima riasfaltate  offerte....
    con un nuovo  disegno della vita.

    Vero?!  Mamma con il tuo verbo
    in breve fraseggi il  proverbio
    <Chi ha il pane non ha i denti
    chi li ha, non ha il pane>  solito
    spesso a papà in versi rimati
    o assonanti, in un pensiero,
    c'era l'ammonizione per un marito
    disegnato a matita scarso uomo...

    Grave di avverbi pure, lasci me
    per cinquecento lire.. Ricordi?
    Le tue botte date senza il resto.

    Per  della  facile  felicità che
    vedo nel ricordo estraneo
    non sorpreso in un tuo  sorriso.

    Vero?! Tanti auguri  Mamma...

    Commenti

    Potrebbero interessarti