Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Gabriele 
Morti bianche 

Come hai fatto a non  amarla,
ma come ti hanno convinto a rinunciare ...
ti hanno costretto al suicidio? Ooh vita!!
eppure  in buona salute o senza hai diviso
da sempre la strada del vivere il tuo corpo con l'anima.
Poi tu dici ..per gli eventi funesti  in un momento vai in depressione
per la tua attività...eeh, nell'essere fallito  ti convinci  incapace .
Eppure bello, giovane e forte insieme  mastri con altri della vita
tutti artigiani  con la voglia di lavorare, con il vento in  poppa che tira
il destino ci fa  dal passato  secchi  senza prospettive  e,
in  questo presente  incapaci di farsi pagare ..... siamo astri
delle stelle in cielo "Morti bianche"  per il lavoro.
Molti al bivio , al baratro del debito senza liquidità  sono
lucidi  nel sentirsi falliti perdono il senno.   Hanno  scelto  la morte!
Per non far soffrire la vita..... la cosa piu bella.
Il mondo   è folle.... Dio!  Non è peccato, ridona loro,  la vita
e, che ricominci dal   suicidio...
Matta che sei anima!  Riprenditi  con il corpo la tua  vita  derisa
perchè offesa,   ritorna ai tuoi doveri di uomo,  stanno ancora lì!
Con i tuoi pantaloni,  con i tuoi problemi,   con i debiti
che sono i risvolti del tuo vivere  ..per essere risolti, con coraggio
artigiano devi combattere per la dignità della tua vita. Con  onestà,
non può essere sempre buia la storia lungo la strada ci sarà al bivio
pur uno spiraglio di sole  e, della  felicità.