Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
L’Autocrate Democratico

C’era una vorta uno a comannà
che je piaceva de strillà co’ tutti.
Diceva: buggiaroni e farabbutti,
Io sò rimasto er solo a lavorà.
Però dinanzi ar zuo superiore,
‘Na berva dar capo fino all’ogna
Che strapazzava tutti, … sta’ zampogna
Penzò come parasse er posteriore.
Spiegò a li subbalterni: dite la vostra!
Volemose ‘bbene, tiràmo ‘sta caretta!
Semo tutti ‘na squadra e se ce spetta
Quarcosa poi, ve vojo mètte in mostra.
Così quello, che era autocratico
Finchè je soffiava a poppa er vento,
Quanno che arivò er momento
De pijà li schiaffi, … divenne democratico!

(Honi soit qui mal y pense)