Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-emanuele-cortellezzi/poesia-di-emanuele-cortellezzi-maroniamari.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZW1hbnVlbGUtY29ydGVsbGV6emkvcG9lc2lhLWRpLWVtYW51ZWxlLWNvcnRlbGxlenppLW1hcm9uaWFtYXJpLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poeti Emergenti
    Poesia di Emanuele Cortellezzi

    maroniAmari

    dilloAmaroni

    che l’altra sera davanti a casa

    il negro abdul e samir l’indiano

    parlavan di calcio in italiano

    e digli che qualche scopa di saggina

    sventolatà davanti  alla tv

    solleticherà forse fantasie padane

    ma non lo ripulirà delle sue borie romane

    dilloAmaroni

    che c’è ancora brava gente in giro

    e sgobba e suda e poi magari sbotta

    e non si vergogna a divider la sua pagnotta

    e digli che è fresco quel vento del nord

    che mischia profumi di  fiordi e kebab

    e alla bisogna scompagina nuvole e colori

    spazzando via il puzzo stantio dei celti umori

    dilloAmaroni

    che la storia non finisce tra due barbare corna

    e la lingua di dante non rutta sul medio di bossi

    ricamando arditi volteggi per atterraggi nei fossi

    e digli che per tener casa pulita

    potremmo cominciare ad esser meno letame

    e diglielo tu che son tante belle balle

    io da tempo non filosofeggio con le mie palle

    ( maroniAmari – io.2013 )

    Commenti

    Potrebbero interessarti