Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-domenico-marras/poesia-di-domenico-marras-scelta-azzeccata.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZG9tZW5pY28tbWFycmFzL3BvZXNpYS1kaS1kb21lbmljby1tYXJyYXMtc2NlbHRhLWF6emVjY2F0YS5odG1s
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Domenico Marras
    Scelta azzeccata

    Le pecore, appena uscite dal recinto,

    Anziché andare verso “So Furreddoso”,

    Come avevano fatto per tanti giorni,

    Sono andate verso “Sala de Chintorzu”;

    Di certo credendo che da quella parte

    Avrebbero trovato tantissima erba,

    In quanto, da giorni, zona non pasciuta.

    La loro scelta non mi dispiacque affatto,

    Perché, da quella parte, facendo solo

    Alcune decine di metri, avrei visto,

    Almeno da lontano, il mio caro paese,

    Al quale non andavo da venti giorni.

    Appena arrivati colà, le pecore

    Incominciarono subito a frugare

    Tra le molte macchie di lentisco e cisto,

    Alla ricerca dei lunghi fili d'erba

    Sognati durante la trascorsa notte.

    Ad un tratto, poiché nel periodo si era,

    E in dispensa vi era pochissima roba,

    Io pure mi sono messo a rovistare

    Tra i cespugli di cisto, con la speranza

    Di trovare, come in effetti poi è stato,

    Una gran quantità di funghi porcini,

    I quali, nei giorni appresso, hanno allietato

    Alcuni dei miei frugalissimi pasti.

    Commenti

    Potrebbero interessarti