Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Carlo Giannelli 
Giuramento de' nozze 

Dice"...te senti de' giurà,

amore eterno, ner bene e ne la povertà?"

"Certo che sì!...Ma damme conforto,

si quarcosa avesse d'annà pe' storto!"

"Certo che sì!...Ma tu stamme vicino,

si quanno che rido, si quanno ciò er boccino!"

"Senti, pensavo...damio retta ar core:

er bello come er brutto passa co' l'ore!"

Dice:"Essenno er dado tratto famo capì a la gente,

che nu' semo due, ma uno solamente,

e che tra bene e male e tanto e gnente,

pensamio a fà avverà li sogni de la mente!"