Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Carlo Giannelli Cafè Parioli


Quanno che sò svejo e sorto sur terazzo,
cercanno de damme un'inquadrata,
pe' organizzà l'idee de la giornata...
giro lo swguardo in tonno...e me sollazzo!

Curiosanno pe' tetti, barconi e fumaroli...
l'occhio ricapita sempre su "Cafè Parioli"..
e...de Rma riviveno vie, piazze e monumenti...
...sò attimi che voleno via...sò sol momenti!

er tran tran è l'stesso...è tal'ecquale...
primma i lavoratori de mente cor giornale,
più doppo...i pensionati...quanno è più carduccio...
...seduti ar tavolino pe' 'na brioscia cor cappuccio!

Io sò contento d'avè un quartiere de Roma sì vicino,
che me riporta 'ndrietro...fin da regazzino,
che me riporta senza pretese....
perch'io, l'ài da sapè, sò Sardo nasco Sassarese!