Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia di Carlo Giannelli
Povero Cristo

Guardanno er Crocefisso che nonna mia m'à dato,

ho fermato lo sguardo sur collo reclinato,

appizzanno,puro,l'occhi su ogni sbruciassione:

...segno de sofferenza...quinni... de Passione!

 

Er corpo morto...retto da li chiodi...

...è muto sì...ma parla 'n cento modi!

Le braccia arzate verso er firmamento,

sò segno de speranza...no de tormento!

 

Guardanno quello...me sò...addomannato:

"perchè s'incontri...'n lacero...n'abbannonato,

dichi a te stesso, co fare piummeno tristo,

...cosa s'à da vedè...povero Cristo!

 

La risposta te l'à data er Redentore

che s'accollò ogni nostra pena...ogni dolore!

Pilato puro, come si leggessi 'n tomo,

cor Cristo a fianco, gridava a tutti:"Ecce l'homo!"