Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Tony Basili
La piazza de ‘na vota

 

24
Non è più la piazza ove ognun stea vicinu

Quanno ce giochea da chiattareju,

du’ porte ai capi co’ ju muru ‘e ju casteju

co’ Bollone, Lucianittu e ju painu.

 

Ce stea pure ‘Ndoniu, La Morte e Stivaletti,

Verardinu, Furbicetta, fratimi e Pennazza,

Scuppulacici, La Fischia e Canassa

E Bacicalupo, Fausto e Sciarpelletti.

 

Era rombo de tiri e de botte de taccu,

de cogliu , de piattu, e ca’ vota agli stinchi,

un’ammucchiata de vajuni, mai vinti,

e nessuno piagnea pe’ ca’ botta, mai straccu.

 

Era un giocu a terra, de forza e destrezza,

di dribling stritti, con una mezza palletta,

fatta de stracci e ‘n pezzu de spagu,

che se fermea, sojo pe’ na’ cianghetta.

 

Non è la piazza de vajuni ‘e‘na vota,

ora scroscia acqua, la vecchia fontana,

e la colomba, beve e si rassoda,

sempre in silenzio, o gente mia lontana.

20.3.07