Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Arpa birmana -


Un vento impetuoso batte le imposte

Ed ulula e fischia, nell’umida notte,

Tutto insufflando, su e giù per il camino

A ripercorrere inesauste lotte

Che si combattono, lontano e vicino,

Né più m’aiutano, le semplici dotte

Parole, che udii, dal pianto prodotte,

ché il cuore mi porta a quel lumicino,

che pur ho snobbato quand’era vicino

ma or che di tempo n’è tanto passato,

penso all’amore che se n’è andato.

Triste al cuore mi giunge  quell’arpa

che col vento spirante il monte varca

sciogliendo il nodo che pure era stretto

che mi serrava ispido il petto

ed il pianto mi scuote e turba la mente

ma lei è lontana ormai non mi sente

e forse aspetta un qualche richiamo

ma non ardisco, benché ancora l’amo,

e che sofferenza a seguir queste scene

di chi si strazia con più ispide pene

ed il sonno cerco che mi porti la quiete

che torni la pace se pure non cede

che un giorno possa tornare l’amore,

ma lei è l'aquila che dilania il cuore,

e sento la nenia che il senno sommuove

e tu non sei qui, sia sole o se piove.

Così scriverò sempre più spesso,

che ci sia un giorno diverso d'adesso.

31.10.08