Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Un progetto della FAO

Mi sembra di vedere i vostri volti
seppure sfocati come dietro la finestra
dai vetri appannati,volti bagnati stanchi
affaticati affamati: voi, miei nonni
e tutta la gente del vostro tempo, quando
tornando dal duro lavoro dei campi
accendevate il fuoco del camino
con legna di castagno e di mandorlo
e aspettavate il borbottio della pentola
di fave o di ceci. Un buon bicchiere
di rosso vino seguiva a mettervi
allegria e ristorare le vostre forze.
Solo un lontano ricordo quella cucina!
Ricette più raffinate oggi sollecitano
i nostri palati.
Ma forse presto le cose cambieranno.
Per sfamare il mondo sarà necessario
mangiare miriadi di locuste di grilli
di insetti. E già non si contano le ricette
fantasiose: frittura di grilli e locuste,
pasticcio di formiche e scarafaggi cornuti,
soufflé di bruchi vermotti, brodetto
alle cicale, coleotteri gratinati, trufolati
o stufati, pesto o salsa alla mantide verde.
Giovanni il Battista, che aveva scelto
di far penitenza nel deserto, aveva già scoperto
il buon cibo delle locuste e sicuramente
ci darebbe il suo incoraggiamento.
Ma i nostri nonni e la gente del loro tempo
casa direbbero?
Forse che non è più l'ora di fare gli schizzinosi
e...buon appetito!

Potrebbero interessarti