Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

sant anselmo
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
Sant'Anselmo d'Aosta

Tombe pavimentali, che custodite
monaci vescovi canonici e badesse,
avete epitaffi quasi consumati
da piedi innumerevoli che vi hanno
calpestato. E' bello sapere che tutti
voi conquistaste con la ricca dottrina
e la vita esemplare di rara pietà
la fiducia della Chiesa.
Sepolti in luogo umido e buio, accanto
a resti di antichi templi pagani,
se d'un tratto vi svegliaste, ricomposte
le vostre ossa, io vi spiegherei che il mondo
d'oggi non ha corazze, né alabarde, né picche,
ma armi terrificanti che si vogliono usare
per guerre sante.
Te beato, Anselmo, che ti affannasti a voler
la pace contro ogni guerra santa, che invitasti
i contemporanei a mettersi in viaggio verso
la Gerusalemme celeste, che t'affaticasti
a cumulare prove dell'esistere di Dio.
Innalzasti una muraglia che altri si affrettarono
a infrangere. La sua caduta, però, non intaccò
la fede accolta col cuore sorretto dalla ragione.
Calde ancora d'amore per la divina essenza,
le tue ossa giacciono nell'eterno silenzio
della morte, entro il nero granito di Canterbury,
ad aprire le porte dell'identità a chi la via
ha smarrito, affinché creda per comprendere.