Login

Poesia di Vincenzo Fiaschitello Rettilario
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Rettilario

Voi dove siete?

Ombre del tramonto, della sera

e della profonda notte,

sapete già che a noi vivi

è interdetto persino darci

la mano per un saluto.

Ciascuno ha pronto il suo rifiuto

ai bordi di un'amicizia spenta.

Dicono che forse Proserpina

quest'anno più che di gialle

margherite ha insanguinato

i campi di rossi papaveri

e che sulla sabbia del mare

il sole non sarà nostro amico ,

se non ci schermiamo in plexiglass

protettivo, come rettili infidi

dalla lingua biforcuta.

Incombe sulla nostra testa

la catastrofe, dagli dei voluta,

ma di più dalla insensatezza

di noi che ci chiamiamo vivi

in desolata terra.

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti