Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Reclinava il tuo sorriso

Reclinava il tuo sorriso,
mentre la sera a gran passi avanzava
e più cresceva la tua ansia,
quel giorno che il crepuscolo
ci sorprese in ritardo sul monte.
Dall'alto scorgevamo il mazzo di luci
che illuminavano le strade del paese,
in cielo il lucore incerto annunciava
all'orizzonte il sorgere della luna.
Avevamo smarrito il sentiero.
D'un tratto mi ricordai di Palinuro,
di Enea il nocchiero,
che in solitudine vegliava
scrutando le stelle nel celeste silenzio.
Così, sorta la luna,
respingendo ogni timore,
mi feci guidare dall'argenteo astro
e dalla fulgente Orsa e, scegliendo la giusta
direzione, senza rischi ci avviammo
verso l'erbosa valle odorosa
di dolce timo ibleo,
su cui le api di giorno, uscite dal cavo tronco
di un faggio, in lungo e screziato ronzio di danza
si dilettano a togliere ai fiori
densa satra profumatissima.
Dal basso contemplammo il monte
che aveva ingannato il nostro orientamento
come immersi in una veglia di sogno!