Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ombradonna
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 

Pensieri nella cenere

Quante volte hai nascosto
pensieri nella cenere,
quante volte hai conficcato
alla parete l'alba come un chiodo
di sofferenza certa del giorno
che si apriva!
Tracce di te hai lasciato,
dentro un sorriso vorrei
incontrarti adagiata, più che
sepolta nell'infelice depressione
per gli anni che precipitano.
Incespicano le mie parole
e la poca gioia che ancora
ristagna nel mio cuore logorano.
Minuta storia, a tutti sconosciuta,
luce ombrata, inarrestabile
ruscello di memoria immodificabile.
La morte non è creativa,
si ripete sempre allo stesso modo,
spegnendo la luce. Qualcosa resta,
più di qualcosa: insieme alla tua
vagante ombra odo voci e risa
che ti appartengono, tramestìo
di zoccoli che dalle stanze
lungo le scale scende sulla bollente
ghiaia del cortile bruciato dal sole.
Nell'angolo più riposto, la scopa
di saggina a lungo si è fermata
a interrogare il vento di ogni primavera.