Poesia di Vincenzo Fiaschitello - Mattutino d'estate

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Mattutino d'estate

Placido vento mattutino: tu sgombri  il cielo

dalle soffici coltri di nuvole bianche,

il flauto suoni alle spighe mature dei campi

e agli oleandri in fiore! Tra le persiane

socchiuse, soffiando sul suo viso profumato

di sonno, lievemente svegli chi ancora sorride

nel sogno. Hanno riverberi di mare

le sue pupille appena aperte!

Ancora un poco e griderà di gioia

e il mare le scolorirà la voce, la risacca

chiuderà le sue orme sulla sabbia.

Scaverò nella miniera del suo cuore

e se il tempo scoverò come orizzonte

che cancella ogni forma e colore,

vestirò la nera ombra di malinconia.

Pure se vivo è ancora in te il ricordo,

rammenterai come crescevo i giorni

nel vapore della solitudine di meriggi

estivi colmi di letture e trilli di cicale,

seduto all'ombra di un carrubo.

Asciutto è ormai il pozzo dove attinsero

acqua nelle ore dure di scirocco

quelle donne dal vestito nero. Quel che resta

è solo polvere di sogno, quel che lascio

è a metà tra rammarico e oblio. Passerà l'estate!

Anche questa estate, dunque, passerà....

passerà, ma nulla si perderà!

                                                                                                                                 A Tina Giacona e a Teresa D'Angelo

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti