Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

stivali di gomma
Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Gli stivali di gomma

Dopo l'ansia struggente,
scrutando per lungo tempo
il cielo carico di nubi,
il fanciullo gioiva all'arrivo
della piovosa sera, pronto
a mettere alla prova
i suoi stivali nuovi nell'acqua
che scorreva lungo il ciglio della via
o nelle ampie pozzanghere
dove ristagnava.
Una dolcezza inerte, dolorosa,
nel cuore.
Le stelle dal cielo scese,
generosamente accese,
brillavano sul viscido asfalto
dove scivolava il lunghissimo
autunno, allegro come ragazzo,
e pure austero e immobile.
Tempo di scuola temibile
che pesava come macigno
sul suo libero vivere, sui suoi
passi di gomma che sfidavano
il silenzio dell'infinito.