Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Salvatore Fittipaldi 
Donne del Congo

E' sempre la notte che ci tiene svegli (quand les femmes violées
d'une façon, incroyablement, barbare...) quando la luna mostra
i suoi fantasmi (l'incomprensibile ingiustizia, l'inesorabile 

carneficina) sul nostro sonno (impossibile):

                                                                        non basta,
rivolgersi alle stelle per invocare una giustizia più alta: eppure,
nella notte, il giorno può essere desiderato, il giorno che è
il suo giorno e di cui si dice essere il vero giorno (con le sue verità,
con le sue leggi che gli impongono di opporsi al buio):
lo sento, lo scorrere di sabbia della notte, catturo il suo respiro
(lo scacco, la sconfitta, la violenza, il sangue sopra i corpi nudi):
(ma le grida, da qui, le grida non le posso udire):