Login

Pin It

Poesia di Corrado Govoni
Nel cimitero di Corbetta

Povera creatura inutile!
io ti conosco, forse.
Eri una delle tante bambine
ch'io vidi nei cortili delle cascine;
scalza, seduta sul limitare
con la tazza di latte sui ginocchi
e un gran pane di frumentone ai denti
e con le compagne intenta a giocare.
Eri anche bella ed accarezzata
da tutti: quando il male
ti spense in un istante.
Ora t'hanno sepolta e più nessuno
stasera si ricorderà di te.
Tranne tua madre che non dormirà,
sospirerà guardando il tuo lettino
vuoto, accanto alla finestra nera
aperta sulla notte di primavera
pensando ch'eri così piccola ...
(...sì, ma il becchino 
ha sudato scavandoti la fossa 
profonda come la sua vanga!
sì, ma non tanto
che tua madre per te non pianga!)
e che sei qui sotto, sola nella tomba oscura,
e che forse hai paura,
tu ch'eri così piccola
che bastava una lucciola
pendula ad uno stelo a farti lume 
lungo la via,
così piccola e leggera
nella tua culla, che bastava a muoverla
l'onda dell'avemaria! 
O povera innocente, dormi in pace!
Ché anche tu avrai, come ogni misero,
la tua fresca coroncina
di vetro, che il ragno,
che tesse tesse e non sa nulla,
ti rinnoverà ogni mattina;
e invece del tuo lettino bianco
nella camera nera
sei adagiata in una culla
d'odori di primavera,
e se non senti più la voce della tua mamma
hai l'usignolo che ti canta la ninna nanna.

Leggi le Poesie di Corrado Govoni

Pin It

Commenti