Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Sunettu cu la cota

'Nu giurnu shta' scriveva 'nu sunettu
e mi vinì truvò 'n amicu mia;
mi salutò e po' tissi cu rispettu:
"Hagghiu vinutu pi 'na curtisìa.

Pì', vogghiu ca ti fani 'nu cuncettu
ti mei pi comu scrivu 'na puisìa,
siccomu tegnu sempri li tifettu
ti fa' li cosi mia comu sia sia.

Sunettu cu la cota cce ccos'èti?
M'l'ha' ddì', percé no' l'hagghiu ma' saputu.
'Na veshtia è pi la genti ca lu creti

cu 'na cutecchia e sona cu 'nu 'mmutu,
però è 'na cota ca mancu si veti
e comu sona no' s'è mai sintutu!".

Iu ticu: "Cì', ha' furnutu?
Senza cu shta' facimu gira e vvota,
è cushtu 'nu sunettu cu la cota!".


Traduzione:


Sonetto con la coda


Un giorno stavo scrivendo un sonetto
e venne a trovarmi un amico mio;
mi salutò e poi disse con rispetto:
"Sono venuto per una cortesia.


Pino, voglio che ti faccia un concetto
di me per come scrivo una poesia,
siccome tengo sempre il difetto
di far le cose mie come sia sia(senza cognizione).

Sonetto con la coda che cos'è?
Devi dirmelo, perché non l'ho mai saputo.
Una bestia è per la gente che lo crede

con una codetta e suona con un imbuto,
però è una coda che neanche si vede
e come suona non s'è mai sentito!".

Io dico: "Ciccio, hai finito?
Senza che stiamo a fare gira e volta,
è questo un sonetto con la coda!".

Nota: È un sonetto caudato in vernacolo sanvitese che descrive
un fatto realmente accadutomi.

Schema rimico: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.

Potrebbero interessarti