Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu passu t'la morti

È ccertu ca no' nc'è nisciuna cosa
ca teni cchiù valori ti la vita
puru ci shtannu tanta cosi a josa.

La vita è cosa ca hava essi' capita
e ognunu l'hava vviviri cu amori
pi putì' aviri dignità 'nfinita.

È vveru ca si lassa cu ddulori
quann'è 'rrivata l'ora ti la morti
ca veni senza mancu fa' rumori,

ma ogni crishtianu s'hava ssènti' forti
pi vvenciri duluri, patimienti
e l'atri 'uai ca nci manna la sorti.

Ci ti mali unu no' è mai fattu nienti
pó sci' contr'alla morti orgogliosu
e pó èssiri t'esempiu all'atra genti.

Lu passu ti la morti è silenziosu
quannu si shta 'vvicina chianu chianu,
però ddiventa assai pricipitosu

ci la vulimu nui ti noshtra manu.
'Shta cosa no' nc'havà succeti' mai,
percé cusht'attu è lu cchiù disumanu.

Puru ci metti fini at ogni 'uai,
va contru la natura e contru Diu
ca è ssulu a ssapì' cce havà ffa' crai.

E cushtu lu capiscu bbuenu iu,
percé 'na vota 'nu cumpagnu mia
pi la dispirazzioni si ccitìu.

Mai s'hava ffa' ccussì, comu sia sia!
Pi ffermari lu passu ti la morti
no' sservi la cchiù bbrutta malatìa,

percé si ponnu apriri atri porti;
quann'edda si ni veni cchiù vicina
ni pó ffa' puru sèntiri risorti!

Sienti lu passu quannu shta ccamina
e ppari comu ci èti eternità,
percé la morti è vuluntà divina!

Traduzione:

Il passo della morte

È certo che non c'è nessuna cosa
che ha più valore della vita
pure se stanno tante cose a iosa.

La vita è cosa che dev'esser capita
e ognuno deve viverla con amore
per poter aver dignità infinita.

È vero che si lascia con dolore
quand'è arrivata l'ora della morte
che viene senza neanche far rumore,

ma ogni persona deve sentirsi forte
per vincere dolori, patimenti
e gli altri guai che gli manda la sorte.

Se di male uno non ha mai fatto niente
può andar contr'alla morte orgoglioso
e può essere d'esempio all'altra gente.

Il passo della morte è silenzioso
quando si sta avvicinando piano piano,
però diventa assai precipitoso

se la vogliamo noi di nostra mano.
Questa cosa non deve succeder mai,
perché quest'atto è il più disumano.

Anche se mette fine a tutti i guai,
va contro la natura e contro Dio
ch'è il solo a saper cosa farà domani.

E questo lo capisco bene io,
perché una volta un amico mio
per la disperazione si uccise.

Mai si deve far così, come se niente fosse!
Per fermare il passo della morte
non serve la più brutta malattia,

perché possono aprirsi altre porte;
quand'ella se ne viene più vicina
ci può far pure sentire risorti!

Senti il passo quando sta camminando
e pare come se sia eternità,
perché la morte è volontà divina!


Nota: Poesia in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.