Poesia di Giuseppe Vita - La genti semplici

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
La genti semplici

Iu mi ricordu tiempi no' luntani,

precisamenti quann'era vagnoni,

ca shtavunu crishtiani ti 'punioni

e ca, 'ncunfront'a mu', erunu cchiù umani.

 

Tinevunu li sintimenti sani;

mu', 'nveci, tennu sulu prisunzioni,

ma tannu si campava ti passioni

e bashtava 'nu muèzzucu ti pani.

 

No' ni putimu fari maraviglia

ci mu' la genti semplici è cchiù ppicca

ti prima, quannu nc'era dignitati.

 

Ddo' viti viti nc'èti ofanitati,

percé la genti mu' si faci ricca

e ssi 'lluntana puru t'la famiglia.

Traduzione
La gente semplice 

Io mi ricordo tempi non lontani,

precisamente quand'ero ragazzo,

che c'erano persone con giuste opinioni

e che, rispetto ad ora, erano più umane.

 

Avevano gli intendimenti sani;

ora, invece, hanno solo presunzione,

ma allora si viveva di passione

e bastava un morso di pane.

 

Non possiamo farci meraviglia

se ora la gente semplice è molto meno

di prima, quando c'era dignità.

 

Ovunque guardi c'è vanità,

perché la gente ora diventa ricca

e si allontana anche dalla famiglia.

San Vito 13/03/2017

Sonetto di genere stilnovistico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABBA/ABBA, CDE/EDC.