Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
'Nu giurnu com'a l'atri

'Nta cushtu munnu, ti quann'hamu natu,

li giurni passunu e no' ni ddunamu

ca a ppicca a ppicca tutti nu' ni sciamu

ddà, ti ddo' ma' nisciunu cchiù e turnatu.

 

Rishtamu nu' cu cuiddi ca hamu shtatu

'na vita 'nziemi e, cu no' lli lassamu,

cchiù forti 'ncora a loru ni ttaccamu,

cá cu tuttu lu cori n'hannu amatu.

 

Iu, ca hagghiu fatt'ormà' 'nu picca cranni,

shto cu mugghièrama e mi sentu buenu,

percé mi faci 'lliggirì' l'affanni.

 

La voci mea e la sova so' 'nu suenu

e ni vulimu bbeni ti tant'anni.

Ccussì li ticu, cú no' veni menu:

 

"No' ti pigghià' vilenu!

 Vuè ssa' cce t'è ci nu' murimu mu'?

 'Nu giurnu com'a l'atri e nienti cchiù!".

 

Traduzione
Un giorno come gli altri 

In questo mondo, da quando siam nati,

i giorni passano e non ci accorgiamo

che a poco a poco tutti ce ne andiamo

là, da dove mai nessuno più e tornato.

 

Restiamo noi con quelli che siamo stati

una vita insieme e, per non lasciarli,

più forte ancora a loro ci leghiamo,

ché con tutto il cuore ci hanno amato.

 

Io, che son diventato ormai un po' grande(d'età),

sto con mia moglie e mi sento bene,

perché mi fa alleggerir gli affanni.

 

La mia voce e la sua sono un suono

e ci vogliamo bene da tanti anni.

Così le dico, ché non venga meno:

 

"Non prenderti veleno!(non preoccuparti)

 Vuoi saper cos'è se noi moriamo ora?

 Un giorno come gli altri e niente più!".

 

San Vito 08/07/2014

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABBA/ABBA, CDC/DCD, dEE.